Trichiana paese del libro 2024

SCARICA IL PROGRAMMA
COMPLETO 2024

NEWS

INVENTARE, TRASFORMARE, COSTRUIRE. STORIE DAL MONDO DEL LAVORO

Da quando ha conquistato la posizione eretta e il movimento libero della mano, l’uomo si è distinto dagli altri animali per la sua capacità di inventare, trasformare, costruire. Nel corso dei secoli, con la sua abilità e la sua fatica, da homo faber ha modificato incessantemente il mondo che lo circondava, e continua a farlo mettendo sempre più in discussione il fragile equilibrio con la natura.

L’idea moderna del lavoro nasce nell’Ottocento, quando la rivoluzione industriale muta in modo radicale i rapporti all’interno del sistema produttivo, le condizioni di vita e i centri urbani, in rapida espansione nell’accogliere coloro che provengono dalle campagne alla ricerca di nuove opportunità. Da allora in poi, passando attraverso le trasformazioni del Miracolo economico e dell’era postindustriale, fin dentro la new economy oramai proiettata nel cosmo, il lavoro manuale e intellettuale, risorsa irrinunciabile nella costruzione identitaria all’interno di ogni comunità, vive sulla dialettica tra emancipazione e sfruttamento. È la stessa dialettica che abita molti testi letterari, tra utopia e disincanto, ribellione e sconfitta.

La letteratura del Novecento e dell’età ipermoderna rappresenta i personaggi nei loro ruoli sociali, all’opera, mentre danno forma alle idee e agli oggetti, mentre imprimono felicemente nelle cose la propria personalità e la propria storia, accettando le sfide

dell’ingegno; al contempo, donne e uomini di carta incarnano vicende di alienazione e di violenza, di esperienze lavorative ogni giorno più parcellizzate e non riconosciute. Come dimenticare le realtà impiegatizie di Pirandello, Svevo e Tozzi? La gioiosa manipolazione della materia in Primo Levi? Le fabbriche di Ottieri e Volponi? Le vicende che Bianciardi e Pagliarani ambientano nella Milano degli anni Sessanta? O di recente, le tante esperienze lavorative di Trevisan in Works?

Nell’epoca della globalizzazione, del lavoro precario e invisibile, delocalizzato e sottopagato; delle scommesse ecosostenibili; della tutela del sapere artigianale; delle capacità umane in dialogo e conflitto con le potenzialità dei robot e dell’intelligenza artificiale, lo spazio dell’immaginario dà cittadinanza alle storie passate e a quelle vissute, come a quelle nascoste in attesa di qualcuno che dia loro voce. Quali sono, oggi, le storie che si possono e vogliono raccontare?

Alessandra Grandelis
docente dell’Università di Padova, responsabile scientifico dell’Associazione Fondo Alberto Moravia
Presidente di Giuria del premio “Trichiana Paese del Libro”

Storia del premio

I fratelli Aldo, Mario e Renzo Cortina, originari di Trichiana e librai a Milano e in altre città del Nord Italia, nel 1972 donarono al comune di Trichiana, oggi Borgo Valbelluna, circa sei mila libri per fondare una biblioteca comunale a libera e gratuita consultazione. Fu inaugurata nel 1974 e Trichiana ottenne il titolo di “Paese del Libro”. Contestualmente la famiglia Cortina propose di realizzare un premio letterario che facesse di Trichiana un luogo di importanza culturale a livello nazionale. L’idea venne ripresa e concretizzata vent’anni dopo, nel 1991, con la nascita del Premio Letterario Nazionale “Trichiana – Paese del libro”, concorso per racconti inediti, arrivato oggi alla 32′ edizione.

STORIA

I fratelli Aldo, Mario e Renzo Cortina, originari di Trichiana e librai a Milano e in altre città del Nord Italia, nel 1972 donarono al comune di Trichiana, oggi Borgo Valbelluna, circa sei mila libri per fondare una biblioteca comunale a libera e gratuita consultazione. Fu inaugurata nel 1974 e Trichiana ottenne il titolo di “Paese del Libro”. Contestualmente la famiglia Cortina propose di realizzare un premio letterario che facesse di Trichiana un luogo di importanza culturale a livello nazionale. L’idea venne ripresa e concretizzata vent’anni dopo, nel 1991, con la nascita del Premio Letterario Nazionale “Trichiana – Paese del libro”, concorso per racconti inediti, arrivato oggi alla 32′ edizione.

Promosso e organizzato da

In collaborazione con

Con il contributo di

Torna in alto