NEWS

Dietro il paesaggio

Il grande poeta veneto Andrea Zanzotto ci ha tante volte ricordato di essere attenti al paesaggio. Il suo monito purtroppo è stato inascoltato. Il bellissimo paesaggio italiano è stato investito da mutazioni che spesso lo hanno ferito. Bisogna portare attenzione ai luoghi perché lo sguardo è la prima forma di riguardo. Occorre costruire una diga percettiva al dilagare opinionistico che ci rende letteralmente ciechi alla realtà esterna. Vogliamo raccogliere testi che sappiano raccontare le mutazioni che continuano a investire i luoghi, ma anche ciò che di più arcaico ancora resiste. Leggere i luoghi diventa nello stesso tempo esercizio etico ed estetico, è un modo di coniugare poesia e passione civile. Si consiglia di scrivere di luoghi non in termini generici e astratti. Più che opinioni, vorremmo leggere percezioni il più
possibile dettagliate di luoghi specifici, può essere anche una strada, un piazza, una collina. Vogliamo scritture che siano prima di tutto un omaggio al paesaggio e a come è mutato in questi anni. Un racconto fatto andando a vedere i luoghi, senza fidarsi delle idee che circolano sui luoghi.
Franco Arminio poeta – Presidente di Giuria del premio “Trichiana Paese del Libro”

Storia del premio

I fratelli Aldo, Mario e Renzo Cortina, originari di Trichiana e librai a Milano e in altre città del Nord Italia, nel 1972 donarono al comune di Trichiana, oggi Borgo Valbelluna, circa sei mila libri per fondare una biblioteca comunale a libera e gratuita consultazione. Fu inaugurata nel 1974 e Trichiana ottenne il titolo di “Paese del Libro”. Contestualmente la famiglia Cortina propose di realizzare un premio letterario che facesse di Trichiana un luogo di importanza culturale a livello nazionale. L’idea venne ripresa e concretizzata vent’anni dopo, nel 1991, con la nascita del Premio Letterario Nazionale “Trichiana – Paese del libro”, concorso per racconti inediti, arrivato oggi alla 32′ edizione.

STORIA

I fratelli Aldo, Mario e Renzo Cortina, originari di Trichiana e librai a Milano e in altre città del Nord Italia, nel 1972 donarono al comune di Trichiana, oggi Borgo Valbelluna, circa sei mila libri per fondare una biblioteca comunale a libera e gratuita consultazione. Fu inaugurata nel 1974 e Trichiana ottenne il titolo di “Paese del Libro”. Contestualmente la famiglia Cortina propose di realizzare un premio letterario che facesse di Trichiana un luogo di importanza culturale a livello nazionale. L’idea venne ripresa e concretizzata vent’anni dopo, nel 1991, con la nascita del Premio Letterario Nazionale “Trichiana – Paese del libro”, concorso per racconti inediti, arrivato oggi alla 32′ edizione.

Promosso e organizzato da

Media partner

In collaborazione con

Sponsor

Con il contributo di